Posted on September 14, 2019 by
Sentiero Italia CAI n.4: Dal Monte Rosa alle Valli Valdesi
Il percorso piemontese del Sentiero Italia CAI è davvero grandioso. Sono 41 le tappe di cammino che uniscono Cannobio, sul Lago Maggiore, a Susa; e coprono solo il primo tratto dell'arco alpino della regione.
Arrivando dalla Lombardia, il tracciato pedonale attraversa innanzitutto la cuspide del Piemonte (la provincia del Verbano-Cusio-Ossola), incuneata fra i cantoni svizzeri del Vallese e del Ticino. La sezione iniziale del Sentiero Italia CAI riprende l'itinerario dell'Alta Via delle Alpi Ossolane e si snoda principalmente sulle Alpi Lepontine occidentali e sulle Pennine orientali. Il percorso risale la Val Cannobina e con due tappe giunge a Malesco, in Val Vigezzo.
Con altre tre tappe arriva al bivacco Sironi all'Alpe Lago. Poi espatria in territorio elvetico, approdando a Campo Vallemaggia e puntando quindi su Bosco Gurin. Si cammina in terre walser poco note ma interessanti e di grande pregio naturalistico. Valicata la Guriner Furka, si rientra in Italia e si fa tappa al Rifugio E. Margaroli (Lago del Vannino) in alta Val Formazza. Il cammino prosegue in traversata prima verso l'Alpe Devero e poi per l'Alpe Veglia, luoghi entrambi di rara bellezza. Toccato l'abitato di Varzo in Val Divedro, il tracciato si dirige dapprima verso la Val Bognanco, poi approda alla selvaggia Valle Antrona e infine arriva in Valle Anzasca, dove il nte Rosa impone la sua mastodontica presenza. Madonna della Gurva (Molini di Calasca), a breve distanza dalla provinciale per Macugnaga, il Sentiero Italia CAI si immette sul tradizionale percorso della GTA (la Grande Traversata delle Alpi). Raggiunge la Valsesia, in terra walser, e fa tappa a Campello Monti, a Rimella, all'Alpe Baranca, a Carcoforo e a Rima. Risale la Val Vogna (da dove, scavalcando il Colle di Valdobbia e scendendo a Gressoney, ci si può collegare al percorso valdostano del Sentiero Italia CAI), valica il Passo del Maccagno e fa sosta al Rifugio Rivetti, sulle Alpi Biellesi.
Il sentiero scende poi a Piedicavallo, traversa verso il Santuario di Oropa e successivamente arriva al Rifugio Coda. Di qui punta a Quincinetto, sul fondovalle della Dora Baltea. Una lunga tappa conduce gli escursionisti in Valchiusella. Di là il cammino continua fino in Val Soana, nel comprensorio del Gran Paradiso.

Toccando luoghi selvaggi e di rara bellezza, la linea di marcia scende poi nella Valle dell'Orco presso Locana. Continua verso Noasca e arriva a Ceresole Reale. Di là i segnavia guidano il camminatore nella salita verso il Colle della Crocetta, e quindi lo accompagnano nelle Valli di Lanzo. Dopo una notte a Pialpetta (Val Grande), si continua per Balme, in Val Grande, e infine si approda in Valle di Viù, non lontano da Usseglio, da dove si prosegue in salita verso il Lago di Malciaussia. Il Colle della Croce di Ferro consente l'accesso al Rifugio del Truc, ormai sul versante sinistro orografico della Valle di Susa. Da ultimo si scende a Susa accompagnati dalla vista del Rocciamelone.

Il Sentiero Italia può far conto anche su un magnifico percorso ad anello che si snoda sulle Alpi valdostane e permette di coprire il periplo dell'intera regione. L'itinerario, se si arriva da est, comincia a Gressoney. Il collegamento con il percorso piemontese, per chi arriva dalla Valsesia, è costituito dal sentiero che collega la Val Vogna a Gressoney attraverso il Colle di Valdobbia. Una volta a Gressoney, l'escursionista può imboccare il tracciato dell'Alta Via n. 1 della Valle d'Aosta, che termina a Courmayeur. Ai piedi del Monte Bianco si immette poi sul percorso dell'Alta Via n. 2 della Vallée, che si snoda sul versante destro orografico della regione (Alpi Graie) e giunge al pianoro del Nivolet. Di qui, scendendo a Ceresole Reale, si riprende poi il percorso piemontese. Troppo note per essere descritte in maniera dettagliata, le Alte Vie valdostane consentono ai camminatori di ammirare tutti i gruppi montuosi più importanti delle Alpi Occidentali - dal Monte Rosa al Cervino, dal Grand Combin al Monte Bianco e Gran Paradiso - e li accompagnano nella traversata di tutti i solchi vallivi che convergono verso il corso della Dora Baltea.
Categories