Posted on May 13, 2018 by
Montagnaterapia storie di inclusione: Festival Italiano Volontariato
Giuseppe è un alpinista cieco e prima di perdere la vista faceva il pasticciere. Ora insegna danza, ha il brevetto di sub e si dedica all'arrampica sportiva. Aldo, pensionato, è un volontario del Club alpino italiano. Insieme ad altri, nella sezione Cai di Firenze, ha creato il gruppo di montagnaterapia "La montagna per tutti". E ora,
durante le arrampicate in parete, è la voce guida di Giuseppe.

Questa è solo una delle tante storie che il Club alpino racconterà durante il Festival italiano del volontariato, attraverso le voci di testimoni e protagonisti. A Lucca, nella tensostruttura allestita in piazza Napoleone, sabato 12 maggio (alle ore 16.30, sala B), durante il convegno "Montagnaterapia, tra cura e inclusione" non interverranno solo l'alpinista non vedente Giuseppe Comuniello (che presenterà anche un cortometraggio girato in grotta di cui ha curato la regia) e Aldo Terreni (La montagna per tutti, Cai Firenze).

Insieme a loro, moderati da Luca Calzolari (direttore di Montagne360, rivista del Club alpino italiano) ci saranno anche Lorella Franceschini (vicepresidente generale Cai), Ornella Giordana e Marco Battaìn (gruppo "La montagna che aiuta", Cai Torino), Gigliola Galvagni e Sara Foradori (Sat - Società alpinisti tridentini).

Sì, perché nel Comune di Roncegno Terme, in Trentino-Alto Adige, si trova il Rifugio sociale Erterle. Da anni offre accoglienza e organizza trekking. Ma ciò che più conta è che qua, grazie alla collaborazione tra la Sat e il Centro di salute mentale di Trento, trovano lavoro persone con varie tipologie di disagio, sia psichico sia
sociale.

E così la montagna, inclusiva per natura, grazie al Club alpino italiano si fa inclusiva e trova la sua funzione anche in ambito sociosanitario. Accogliendo malati e persone affette da patologie psichiatriche, la montagnaterapia ha fatto nascere esperienze destinate ad abbattere pregiudizi e differenze, migliorando la qualità della vita dei più deboli. La montagnaterapia non è una pratica, bensì un ambito di intervento. E il Cai, ben prima che queste attività rientrassero a far parte del proprio statuto, ha declinato questo concetto in una metodologia terapeutica e riabilitativa al fine di prevenire e curare persone con disabilità (fisiche e psicologiche) o afflitte da particolari patologie.
Links
Categories