Adventure Outdoor Fest 2022: una Montagna che porta coscienza


Adventure Outdoor Fest 2022: una Montagna che porta coscienza

“La nostra vita, ogni istante, è un miracolo immenso. Basta solamente rendersene conto e la gratitudine che proverà il cuore ci sussurrerà che tutto, a suo modo, è perfetto.” Queste parole di Alberto Cancian, uno degli ospiti dell’Adventure Outdoor Fest 2022, ci rendono consapevoli che, ogni anno, il Festival compie un piccolo miracolo… Per 5 giorni il mondo rallenta, persone da ogni dove si spogliano delle loro vite frenetiche per riconciliarsi alla natura, quasi spinte da un bisogno ancestrale. Tutt’a un tratto il tempo si annulla dando spazio solo al qui e ora. Si è da poco conclusa, in un mix di colori ed energie, la nona edizione di Adventure Outdoor Fest, l’evento dedicato alla natura, allo sport e alla vita all’aria aperta, nella meravigliosa cornice del Comune di San Marcello Piteglio (PT). Si può affermare che l’edizione 2022 (dal 29 giugno al 3 luglio) è stata caratterizzata dalla “consapevolezza”. I recenti avvenimenti, partendo dalla pandemia, passando per i conflitti internazionali fino a giungere ai distaccamenti in Marmolada, portano bruscamente a mettersi in discussione, a riconsiderare gli stili di vita, a bilanciare equilibri esteriori ed interiori. In questi giorni durante l’evento, la voglia di riconnettersi alla natura e ai suoi valori, il desiderio di condivisione e la grande partecipazione, hanno fatto intravedere la strada da percorrere: ”La montagna è una maestra muta che crea discepoli silenziosi”, come ricordava Goethe. Questo si è tradotto in oltre 600 persone che hanno aderito alla moltitudine di attività e appuntamenti in programma, a cui si vanno ad aggiungere 120 atleti presenti al secondo Tuscany Slackline Meeting, organizzato da Slackline Toscana, 150 podisti che hanno preso parte alla prima Segnavie Run in memoria di Piero Nesti e più di 200 tra giovani e famiglie che si sono lasciati trasportare dall’effervescente Color Vibe nell’Appennino Pistoiese. Numeri che si moltiplicano se contiamo la presenza sui social con oltre 200.000 persone raggiunte su Facebook e 118.000 su Instagram solo nell’ultima settimana. La prima giornata (mercoledì 29 giugno) ha visto l’arrivo dall’Italia ma anche da tanti paesi europei, della vivace community degli slackliners, gli atleti che camminano sulle fettucce sospese, che hanno invaso il cielo con le loro linee al di sopra del Ponte di Mammiano Basso, sul torrente Lima e sulle acque del laghetto del parco, con qualche caduta spettacolare che permetteva loro di godere di un po’ di refrigerio naturale. Il testimone è poi passato agli attori Jacopo Maria Bicocchi e Mattia Fabris che hanno messo in scena la 301esima replica dello spettacolo (S)LEGATI, l’incredibile storia vera degli alpinisti Joe Simpson e Simon Yates rappresentata in commedia. La meraviglia del luogo che li ha accolti - il Parco delle Stelle presso l’Osservatorio Astronomico - e l’emozionante teatralità dei due “arrampicatori della domenica”, hanno permesso di registrare la standing ovation strappando qualche lacrima tra il numeroso pubblico. A conclusione della serata non poteva mancare l’inaugurazione dell’Adventure Movie Awards 2022, il concorso cinematografico internazionale che seleziona, ogni edizione, alcuni tra i migliori corto e medio- metraggi di avventura del panorama mondiale. Giovedì 30 giugno ha visto crescere il villaggio del Festival che si è popolato di stand gastronomici, artigianali e di brand sportivi e di attività di ogni genere come Bushcraft, Yoga & Balance, Indoboard e Indofit. Un percorso di riconoscimento e utilizzo delle più comuni piante officinali spontanee ha poi coinvolto i più curiosi, intenti a intraprendere nuove tecniche da applicare nell’arte culinaria o nel benessere e nella salute della persona. Nei tre giorni successivi si sono registrate temperature oltre la norma, ma la calura non ha trattenuto le numerose adesioni che hanno animato il festival per tutto il fine settimana. Venerdì 1 luglio i più avventurosi si sono addentrati a bordo di kayak e sup fra le pareti strapiombanti sull'acqua cristallina del Canyon Park di Bagni di Lucca per assistere allo spettacolo del Deep Water Solo, una forma di arrampicata libera che normalmente si pratica sull’acqua del mare. I top climber che hanno aderito, come Cristian Dorigatti e Andrea Zanone, sono rimasti stregati dalla bellezza della ripida roccia scolpita e levigata dall’acqua del fiume Lima. Tornando al campo base si sono aggiunte attività come Acroyoga, Danza Aerea, Meditazione e Bagni di Suoni. Grande successo anche fra i più piccoli intrattenuti dai workshop di survival svolti dalla Wolves Outdoor Academy di Michele Lupoli o dai primi passi sulla slackline. Corsi ideali per sviluppare equilibrio e accendere il lato primordiale che risiede in ognuno di noi. I bimbi meno “avventurosi”, hanno avuto la bellissima opportunità di scoprire la vita segreta delle api, accompagnati dalla guida di Marialaura Molinario. Al via anche la prima Outdoor Photography Academy, a cura di Francesco Pierini, che ha permesso agli allievi di sviluppare la capacità di pianificare, scattare e modificare splendide fotografie di persone in movimento in ambienti outdoor. Ovviamente le aule non potevano che essere le falesie, i sentieri e i prati della Montagna Pistoiese. A chiusura fiumi di birra artigianale, musica dal vivo con i Roots 66 e la premiazione degli Adventure Movie Awards che hanno visto annunciare i vincitori 2022 presso il Cinema sotto le stelle nei pressi del Ristorante Laghetto del Ponte Sospeso. Il GRIVEL GOLDEN AXE AWARD è stato assegnato ad un’incredibile avventura in bici: “Kanymda Kumiss” di Jérémie Reuiller, mentre il NO LIMITS TO EMPTINESS AWARD a “The Sea and Me - Atop” di Dominic Joyce, incredibile storia di Charlotte Banfield, para-surfer di fama mondiale che fino a qualche anno fa era completamente terrorizzata dall’acqua. Premio tutto italiano per “Across Emptiness” di Luca Albrisi che si è aggiudicato l’ECO ADVENTURE AWARD. Sabato 2 luglio ha dato il via alla prima Segnavie Run, con un percorso di 14 Km e 700 D+ aperto a tutti e affrontato sia come gara competitiva sia come appuntamento ludico motorio. Si è trattato di uno short trail, una scelta appositamente presa dagli organizzatori per fare della gara non solo un evento agonistico, ma anche qualcosa di propedeutico per portare tanti ad avvicinarsi alla montagna. Il percorso e i panorami sono stati molto apprezzati dai partecipanti che hanno affrontato la corsa con entusiasmo, così come le attività del festival che hanno intrattenuto accompagnatori e famiglie. Premiati dall’assessore alla cultura Alice Sobrero i due vincitori Marco Castelli (1h20’12”) e Luana Righetti (1h40’41”) ma sul podio è salita anche l’emozione con il ricordo di Piero Nesti, amico runner tristemente scomparso qualche giorno prima della stessa corsa a cui era intento prendere parte. Nel pomeriggio è stata la Color Vibe a “rompere” allegramente la pace e l’equilibrio del festival fra colori accesi, profumi orientali e musica a tema, con i tanti volontari del Comitato Parrochhiale del Comune di San Marcello e con la partecipazione anche del Vice Sindaco Giacomo Buonomini e dell’assessore alla turismo Clio Cinotti. Per gli amanti dei boschi e dei cieli stellati, non molto lontano dal villaggio, ha avuto luogo anche “Amaca Trek”, un format di escursioni ideato dai due fondatori di Vette e Baite (Riccardo Giorgis) e Camminate Fotografiche (Simone Antonelli) per dormire cullati dal fruscio del vento e il respiro della foresta. La chiusura di domenica 3 luglio è stata dedicata al tema dei cammini, al turismo lento e al benessere fisico e mentale che queste attività rigenerative all’aria aperta portano con sé un passo alla volta. Quindi la giornata è iniziata con SentieroZero, la perfetta occasione per raccontare e scambiare esperienze di cammino fra meeting, talk ed un trekking guidato dallo scrittore Federico Pagliai con più di 100 partecipanti. Il raduno ha visto la partecipazione del CAI di Maresca, Pistoia e Porretta, dei rappresentanti di FIE e AIGAE e delle associazioni dei Cammini, nonché di numerose associazioni di trekking e guide escursionistiche. Molto interessanti gli interventi speciali della giornalista Pamela Giorgi, capo ricerca di Indire che ha raccontato il progetto “La scuola allo schermo - Sentieri e linguaggi” e di Davide Fiz che ci ha raccontato il suo progetto Smart Walking for Smart Working. L’appuntamento intitolato “Il Cammino che cambia, viaggio fuori e dentro se stessi”, inaugurato dal saluto del Sindaco Luca Marmo, ha portato il festival al picco massimo di consapevolezza, insegnando che camminare è una pratica che ci consente di riappropriarci di ogni istante e ogni passo è una rivoluzione contro l’iperattività. Partendo da queste fonti di ispirazione sono intervenuti alcuni scrittori per confrontarsi sul tema del "Cammino che Cambia": Francesco Vidotto, Federico Pagliai, Alberto Cancian e Rebecca Fabbroni. Ultimo appuntamento, ma non per importanza, la presentazione di un "manuale di sopravvivenza” atto a mettere in discussione le normali convinzioni, a guardare il mondo da un'altra prospettiva, ma soprattutto a rimettersi in gioco. Stiamo parlando del “Manuale di sopravvivenza per esseri umani che si sentono alieni” di Matteo Gracis, che con la sua chiacchierata in pubblico ha permesso di confrontarsi su diversi temi di attualità, fornendo numerosi spunti di riflessione. La Montagna Pistoiese ha rinnovato ancora una volta l’ospitalità di quello che può essere definito un nuovo punto di partenza, non solo per il territorio, ma anche per le persone. Questa manifestazione, con il patrocinio della Regione Toscana, è stata resa possibile grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e al supporto del Comune di San Marcello Piteglio (Pt). È stata inoltre fondamentale l’energia dei tanti volontari presenti, il sostegno di sponsor come Grivel, Scarpa, Coros, Born, Les Grand Bieres du Sant Bernard, Ticket to the Moon, SlackMountian, Radrigs, Monvic e Gebo Mountain; di media partner come Naturart, Discover Pistoia, Terra Nuova, Radio Bruno, MountainBlog, SportOutdoor24 e The Pill; così come la presenza vivace dei numerosi espositori e delle più di 30 associazioni coinvolte. Grazie a chi ne ha fatto parte, a chi non ha mai smesso di crederci e a chi continua a sognare!



Adventure Outdoor Fest 2022 - Tuscany Mountain

https://www.adventureoutdoorfest.com

Sport, avventura, natura, esperienze outdoor, cinema e grandi atleti nel cuore della Montagna Pistoiese, sull'Appennino Tosco Emiliano.


Posté le: 06.07.2222