Un trancuillo uicchend de forchetta

Off Topic

Spazio dedicato alla vostra fantasia, inserite tutto quello che non è attinente con gli altri Topics.



       

Un trancuillo uicchend de forchetta

Pastiera Amalfitana? No grazie!

Chenfatti ce stava l’allenatore, cuello ceco, si, dai cuello che fa ‘e facce come silveste stallone…..insomma cuello era ito ‘n fissa che voleva annà ar sudd, voleva annà a ‘n posto ndò se magna la Pastiera Amalfitana, e diceva “daje che la pastiera è bbona, io vojo magnà la pastiera e c’è stà un posto che la fanno da paura e se spenne poco” e l’artri j’avevano detto “si vabbè se po’ ffà” ma poi a ‘n certo punto c’avevano ripensato e j’avevano detto “no, tela devi annà a ppjà ‘nder secchio, la pastiera se magna a pascua e mò pascua è passata, a magnà la pastiera c’annamo ‘n antra vorta, annamio a scalà ferantillo” e cuello aveva detto “me state tutti sur cazzo ma vabbene lo stesso annamio a ferentillo” allora so annati tutti a ferentillo che è ‘n posto da paura, tipo che ce stanno ducento falesie, tipo che se vòi decide ‘ndò annà a scalà nun ce capisci gnente, infatti ferentillo è tipo un centro commerciale solo che ‘nvece de stacce li negozzi, ce stanno le falesie, allora cuarcuno so partiti e anno detto “annamio a cuer negozzio che ce stanno un sacco de cose da paura” solo che a cuer negozzio llì le cose costavano ‘na cifra e loro nun j’abbastaveno li sordi e anno cominciato a fregà, l’anno beccati e so iti a finì ar Gabbio e llì anno presso un sacco de schiaffi.
Allora poi anno rosicato e se so annati a comprà na cifra de cose da magnà e da beve, anno affittato un barbechiu e se so sderenati tutto quello che s’ereno comprati, allora poi rincojoniti, co la panza piena, mezzi ‘mbriachi e pure ‘n po’ fumati anno detto “domani lì nun ce tornamio, annamio a scalà a configni” che è ‘n posto che se chiama davero così “e ce famo venì pure l’amichi che ieri nun so venuti, ce famo venì pure cuello cor nome che porta sfiga e cuello che se chiama lino….oppure se chama dino…..o forse mino….vabbè sticazzi lo chiamamo lo stesso pure se nun se ricordamio come se chiama”, allora dopo avè fatto il giro delle sette chiese ar dritto e ar rovescio so arivati a configni, però ereno tutti ‘n po’ ‘ncazzati e appena so arivati sotto la parete anno cominciato a fa a sassate, tipo che uno faceva er sicuro e l’artro je tirava i sassi cuanno quello nun guardava, solo che ancerto punto uno sé fatto rode ‘r culo e ha detto “ma porca di quell a mignotta! ma che davero? io mò me so rotto li cojoni e se becco chi ha messo sti ddu cazzo de chiodi su sta parete de mmerda je faccio ‘n culo così” solo che nun s’era accorto che cuello s’era annato a nasconne dietro a ‘n sasso e lo stava a spià e allora c’ha fatto ‘na figura de mmerda che mezza bastava.
Allora poi anno detto annamio a scalà un po’ piullà che sennò cuesto ce pja a tutti e ce fa i capelli come ce l’ha lui, però comunque ce stava sempre cualcuno che s’annava a cercà le peggio vie cuelle indove ce trovi li passaggi che te pjano a carci e te ribbuttano giù, chenfatti poi alla fine anno rosicato tutti n’antra vorta e so annati a un ristorante ‘ndove se magnava ‘na cifra e se spenneva un cazzo a sfonnasse peggio della sera prima.

Chenfatti le prestazioni vere se sò viste a tavola….la robba da magnà spariva a vista

31/03/08 @ 18:57:51
 
 
  

Re: Un trancuillo uicchend de forchetta

La settimana scorsa la ricorderò per lungo, lunghissimo tempo come il periodo più stressante della mia vita dopo le ultime elezioni. Il dilemma amletico Leonessa/Amalfi mi stava uccidendo. Mi sentivo un po' come l'asino di quel filosofo greco di cui non ricordo il nome (del filosofo intendo; l'asino si chiamava Luigino) che per non esserci deciso fra due balle di fieno poste alla stessa distanza da sé finì per morire di fame. Per scacciare l'incubo dell'asino denutrito decisi di lasciar fare al destino e alla fine il destino volle che, causa una piccola distrazione, perdemmo per un soffio l'uscita della Roma-Napoli. Niente Amalfi, dunque. Tutti a Leonessa allora! Non so cosa sarebbe successo se fossimo andati in costiera. Chi può dirlo e soprattutto, a chi interessa? Quello che è certo è che alla fine nessuno è morto di fame come il povero Luigino (e per questo non finirò mai di ringraziare il proprietario dell'Agriturismo "la collina" cha per 13 euro ci ha riempito gli stomaci e soddisfatto le coscienze, nonché il vicino di casa il quale volontariamente ci ha permesso di usare il suo fantastico barbecue) e si è passati due giorni indimenticabili fra arrampicate e libagioni.

Per tutto questo vorrei ringraziare un po' di persone, animali e cose.
Innanzitutto grazie al signor Giuliacci, che per una volta ha pensato bene di regalarci un cielo senza nuvole e una temperatura finalmente primaverile;
per rimanere in tema grazie a tutte le stelle, quelle cadute e quelle che cadranno e pure ai satelliti che non cadono quasi mai (a proposito, ma è vera la storia che uno de sti cosi cadrà a breve in un luogo della superficie terrestre che è impossibile prevedere? E se si quante probabilità ci sono che vada a finire su Arcore?);
grazie anche al branco di maremmani dell'agriturismo che ha deciso di risparmiare Giobba;
grazie poi alle mucche isteriche di Configni, ai rami negli occhi, agli autostoppisti silenziosi, ai nuovi apritori di vie (be', non esageriamo, andiamoci piano adesso, fragole e sangue è stato un caso), agli anacoreti di Fiano Romano, ai fuochisti e agli chef, ai vagabondi della stazione Tiburtina e ai druidi di Cesare, a quanti conoscono il singolare di "celti" e a Silvester Stallone che anche se gli anni passano e lui è sempre più gonfio provateci voi a prendere una gallina che non vuol farsi prendere.

L'ultima immagine che porto con me a conclusione di questo fantastico finesettimana è molto suggestiva e parla di un ragazzo argentino dal cognome crucco, molto simpatico che sparisce nella nebbia con uno zaino sulle spalle verso la sua dimora che probabilmente non è mai esistita. Buona fortuna Pedro!

01/04/08 @ 09:38:00
 
 
  

Re: Un trancuillo uicchend de forchetta

cia' carusi...

... davvero molto bello il uicchend trascorso in vostra compagnia, era tanto che non ridevo così di cuore!
soprattutto per quelle che sembravano barzellette...

grazie
grazie
grazie

a tutti, siete sempre più mitici!

un abbraccio affettuoso
Tania

01/04/08 @ 12:01:39
 
 
  

Re: Un trancuillo uicchend de forchetta

è stato bellissimo 🐄

01/04/08 @ 13:06:18
 
 
  

Re: Un trancuillo uicchend de forchetta

lol che avventure XD

01/04/08 @ 16:32:52
 
 
  

Re: Un trancuillo uicchend de forchetta

Amici!
Ce n'era bisogno.
Di un Gabbio dove prendere schiaffi, della camera dei puffi, di strade segrete, note solo a noi e alla losca e bifolca polizia della Playmobil, di una bottiglia di vino a testa, di storielle del bar che sembrano barzellette, di cieli che "p***a t***a, quante c***o di stelle", di un cuore di argentino-brasiliano-tedesco-romano che si intenerisce per le attenzioni di un cuore di cane spagnolo, di ssssssss sibilate per prendere parola senza ricordarsi cosa si doveva dire, di fragole e sangue, di prestazioni misurate nell'abilità di rollare una sigaretta, di allenatori ciechi con la faccia di Stallone quando mangia spaghetti e "pepperoni", di tartufi a volontà, di un po' di intudeuaild, anche sul raccordo..

Arnold-Jackson saluta e ringrazia facendo il moon-walk e il verso del pesce.

01/04/08 @ 17:01:44
 
 
  
Montrer les messages depuis:

       
Page 1 sur 1