via Molteni/Garibotti



badile - parete est - waltellina.com badile - parete est
waltellina.com


 
parete sudest con tracciato della via - zilioli Enea parete sudest con tracciato della via
zilioli Enea



Description:
beautiful street considered a classic Badile lace, follows a logical line that runs at the center of the wall, approaching as it rises to the east corner where the normal route runs, then emerging under the Redaelli bivouac from which you can reach the summit.

Access:
from Valmasino go up to the top in Bagni di Masino where there are ample parking possibilities (at the opening of the thermal baths there is a lot of traffic and in summer the parking is paid, € 5 From there follow the trail signs for the Giannetti refuge (3h30 and 1356mt difference in altitude) From Giannetti refuge point straight to the southeast wall, leaving the tip Enrichetta on your right and go up the snowfield to its end (an eye of attention to the crevasse in the upper part) keeping slightly to the right of the center of the wall where you can already notice two large ledges that run oblique from right to left, the first two lengths run on the ledge + low. The attack is located near a large dihedral.

First Climb:
Molteni Camporini 1937

Stuff:
normal mountaineering endowment. series of friends, useful to double the intermediate measures, lanyards.

Descent:
in double along the normal route, near the apide of summit is the first ring.

  • Crag: -
  • Level: V/V+ (obbl.)
  • Height: 1178-3308 / 495 m
  • Open Date: 16/17 Agosto 1935 da M. Molten
  • Beauty:
  • Exposure: southeast
  • Gear: poor nailing, apart from a couple of fixed stops for the rest only a few nails and some lanyard. the way is very well protected
  •    Latitude
    Longitude
    N 47.0127º
    E 8.1233º
  •    Latitude
    Longitude
    N 0.0000º
    E 0.0000º
  • Type: always excellent, the classic (ghiandone) granite of the shovel
  • Note: al 9°tiro,lunghezza chiave,si trovano ancora i resti di un vecchio cordone utilizzato dagli apritori per superare il tratto con un pendolo,questo tiro è ben protetto.alla fine del cordone fare attenzione a restare sulla sinistra e non entrare nel grosso diedro frontale dove corre la via direttissima.
  • Logistic: approaching long but never dangerous, in spring and late season consider the possibility of bringing crampons to the snowfield.
  • Update: 26/08/2016
  • Reads: 2989

GALLERIES


avvicinamento su nevaio - Zilioli Enea
avvicinamento su nevaio
Zilioli Enea


 
uno dei diedri nella parte alta del tracciato - Zilioli Enea
uno dei diedri nella parte alta del tracciato
Zilioli Enea


 

le grosse cenge rampa appena sopra l'attacco della via - Zilioli Enea
le grosse cenge rampa appena sopra l'attacco della via
Zilioli Enea


 
  Add Pitch

N. Pitch Length Description Level
1 L1 50 m salire il diedro per circa 20 Mt., proseguire poi lungo una cengia obliqua verso sinistra fino al suo termine dove si attrezza la sosta. III
Gr. Note: 1 chiodo
2 L2 50 m seguire a sinistra la cengia (stare sullo scalino superiore) alla cui estremità sinistra in corrispondenza della base di un diedro si trova la sosta III/IV
Gr. Note: 2 spit
3 L3 45 m salire il diedro sino al suo termine. Attraversare la terrazza verso sinistra e rimontare facili rocce sino a raggiungere una cengia. Salire in verticale fino a delle lame dove si attrezza una sosta III/V
Gr. Note: 2 chiodi
4 L4 45 m proseguire in placca senza percorso obbligato sino a raggiungere la sosta,1 spit che si trova in corrispondenza di una cengia a circa metà placconata. III
Gr. Note:
5 L5 30 m salire lungo la placca sempre senza percorso obbligato stando a sinistra dell'enorme masso appoggiato che porta il nome di "Bottone". III
Gr. Note: 2 spit
6 L6 35 m salire la placcha sovrastante la sosta e raggiunta la cengia traversare a sinistra sino alla sosta posta alla base di un diedro III/IV
Gr. Note: 1 chiodo\1 spit
7 L7 30 m seguire la rampa che diventa diedro sino al suo termine. Continuare poi sino a raggiungere la sosta alla base di un diedro IV+
Gr. Note: 1 chiodo\2 spit
8 L8 45 m proseguire lungo il diedro superando qualche passo delicato. Continuare poi lungo una cengia fino in sosta IV/V
Gr. Note: 1 spit \ 2 chiodi
9 L9 0 m tiro chiave - traversare a sinistra seguendo i resti di una corda fissa poi rimontare una parete e superare un successivo diedro. Attenzione alla fine del cordone non entrare nel diedro di fronte (diretta Fiorelli)ma tenersi sulla sinistra.Traversare poi a sinistra su di uno uno strapiombo ben ammanigliato. Sosta su 2 spit. 40 Mt., V+ oppure A0, V+, IV+, 3 chiodi, 1 sosta intermedia su 2 chiodi, 1 spuntone con cordini.
Gr. Note:
10 L10 50 m ora la salita diviene più aerea. Salire la placca che sopra la sosta sfruttando una fessura; raggiunto l'intaglio portarsi sullo spigolo e seguirlo sino alla sosta III/IV
Gr. Note: 2 chiodi\2 spit
11 L11 50 m continuare lungo il filo dello spigolo. Raggiunta la punta stare a destra ed abbassarsi per trovare la sosta IV
Gr. Note: 1 chiodo sosta su 2 spit con anello di calata
12 L12 30 m seguire lo spigolo fino a raggiungere il bivacco Redaelli dove si attrezza la sosta. II/III
Gr. Note:
13 L13 50 m salire dietro il bivacco e portarsi in cresta,seguirla fino a raggiungere la vetta,attenzione a neve e ghiaccio II/III
Gr. Note:

comments

 

You must be logged in to leave comments.